COMUNITA' MONTANA dell'Appennino Reggiano
Comune di Castelnovo ne' Monti Comune di Ligonchio Comune di Collagna Comune di Busana Comune di Ramiseto Comune di Vetto Comune di Canossa Comune di Casina Comune di Viano Comune di Baiso Comune di Carpineti Comune di Toano Comune di Villa Minozzo
Organi di governo News Uffici Aste Bandi Concorsi Guida alle attività Sportello Unico Attività Produttive


Servizi on Line
Links
Motori di ricerca
Cerca nel sito


Cerca con Google


Documenti on line
Modulistica/Territorio/Vincolo Idrogeologico
.: Data Pubblicazione 07-Ago-2013 :: Letture:: 9489 :: Stampa solo questa pagina :: Stampa pagina con tutte le sottopagine:.

ll Vincolo Idrogeologico viene istituito e regolamentato con il Regio Decreto n. 3267 del 30 dicembre 1923 e con il Regio Decreto n. 1126 del 16 maggio 1926. La finalità prima è quella di sottoporre a tutela quelle zone che per effetto di interventi, quali movimenti terra o disboscamenti, possono con danno pubblico perdere la stabilità o turbare il regime delle acque.
La sua disciplina è stata in seguito rivista e modificata dalla L. R. n.47 del 7 dicembre 1978, adeguandola alle necessità attuali. Scopo principale del Vincolo idrogeologico è quindi quello di preservare l’ambiente fisico: non è preclusivo della possibilità di trasformazione o di nuova utilizzazione del territorio, ma mira alla tutela del territorio e degli interessi pubblici e alla prevenzione del danno pubblico.
Con la L.R. n. 3 del 21 aprile 1999 modificata dalla L.R. n.22 del 24 marzo 2000, la Regione Emilia-Romagna, ha avviato varie azioni di decentramento, fra le quali la competenza in materia di Vincolo Idrogeologico alle Comunità Montane. La deliberazione di Giunta Regionale n. 1117 del 11 luglio 2000 ha fissato le procedure amministrative e le norme tecniche relative alla gestione del vincolo idrogeologico istituendo tre diverse forme procedurali (comportanti, tempi ed approfondimenti istruttori diversi) commisurate all’effettiva dimensione ed impatto delle opere:

- le opere di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio e di trasformazione degli ecosistemi vegetali, che comportano movimenti di terreno o modificano il regime delle acque, di cui all’Elenco 1, sono soggette alla richiesta di autorizzazione  ed alla relativa procedura, comprensiva della produzione di determinati elaborati tecnici;

- le opere di modesta entità, che comportano limitati movimenti di terreno, di cui all’Elenco 2, sono soggette alla presentazione di una comunicazione di inizio attività, corredata da determinati e più semplici, rispetto al caso precedente, elaborati tecnici;

- le opere di più che modesta entità, di cui all’Elenco 3, sono eseguite senza alcuna forma di autorizzazione o comunicazione preventive.

Nel caso in cui sia necessario inoltrare richiesta di parere o autorizzazione in sanatoria, a seguito di segnalazione di movimenti abusivi di terreno,  si precisa che:

-          “Sanatoria” è il procedimento previsto per rendere possibile la regolarizzazione di un abuso, di norma preceduto dall’accertamento della violazione da parte degli Agenti di Polizia Giudiziaria;

-          il rilascio del “Parere” si ha quando l’abuso ha rilevanza ai fini delle vigenti norme urbanistico-edilizie ed è quindi finalizzato al completamento di una “sanatoria” di tipo edilizio, di cui rappresenta un sub-procedimento;

-          l’”Autorizzazione in sanatoria”, viene rilasciata nel caso in cui i lavori effettuati abbiano rilevanza solo per i fini propri del vincolo idrogeologico.

Nel 2004, è stata emanata apposita circolare interna del Servizio Programmazione Tutela e Valorizzazione del Territorio finalizzata a chiarire la competenza autorizzativa di interventi ricadenti in aree sottoposte a vincolo idraulico.

Nella nostra Provincia le aree soggette a vincolo idrogeologico sono localizzate nella zona collinare e montana ed interessano parzialmente i territori dei Comuni di:

- Baiso, Busana, Canossa, Carpineti, Casina, Castelnovo ne’ Monti, Collagna, Ligonchio, Ramiseto, Toano, Vetto, Viano, Villa Minozzo (nella Comunità Montana);

- Albinea, Casalgrande, Castellarano, Quattro Castella, San Polo d’Enza, Scandiano, Vezzano sul Crostolo (esterni alla Comunità Montana, ma convenzionati con la medesima per la gestione delle pratiche di vincolo idrogeologico.

Per verificare se un intervento in progetto ricade in area soggetta a vincolo idrogeologico è possibile consultare la cartografia delle aree perimetrate disponibile presso: questo Ente (Via S. Allende 1 Castelnovo ne’ Monti), gli uffici Tecnici del Comuni, le Stazioni del Corpo Forestale dello Stato.

Per scaricare il Modulo A1 di pre-valutazione d'incidenza da allegare al progetto clicca qui


Comunità Montana dell'Appennino Reggiano

Via Dei Partigiani, 10 - 42035 Castelnovo ne' Monti (RE) - Tel 0522-610511 Fax 0522-610590


Posta certificata: unioneappenninore@pec.it


Privacy Note Legali Sito creato con MD-PRO CMS