COMUNITA' MONTANA dell'Appennino Reggiano
Comune di Castelnovo ne' Monti Comune di Ligonchio Comune di Collagna Comune di Busana Comune di Ramiseto Comune di Vetto Comune di Canossa Comune di Casina Comune di Viano Comune di Baiso Comune di Carpineti Comune di Toano Comune di Villa Minozzo
Organi di governo News Uffici Aste Bandi Concorsi Guida alle attività Sportello Unico Attività Produttive


Servizi on Line
Links
Motori di ricerca
Cerca nel sito


Cerca con Google


L'Ente
La storia ed il territorio
.: Data Pubblicazione 09-Ago-2013 :: Letture:: 6193 :: Stampa solo questa pagina :: Stampa pagina con tutte le sottopagine:.

Il fascino dei nostri luoghi è dato da una combinazione di elementi destinati a stupire: l'ambiente e la ricchezza della natura, i segni della storia e le tradizioni del mondo contadino, che influenzano ancora il ritmo di questi luoghi incantati permeandoli di una magica quiete.

Una terra in cui gli uomini e le donne hanno lavorato per salvaguardare uno dei punti più belli dell'Appennino settentrionale e per far sì che esso resti incontaminato così come lo vedete ora. Proprio per tutelare questi incantevoli paesaggi naturalistici di fascia appenninica, è stato costituito il Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano. Concentrato nelle zone del crinale, il Parco è interessante e pregevole sotto vari punti di vista: per le forme del paesaggio con appicchi di arenaria e conche di erosione glaciale, per le sue rare varietà botaniche, per le splendide praterie che si adagiano tra boschi di conifere e faggi secolari, e per la fauna presente, tra cui spicca il lupo appenninico, recentemente tornato a popolare queste zone. Rimarrete rapiti dai paesaggi montani tra valli che danno origine a corsi d'acqua (Secchia, Val D'Enza) e verdi panorami visibili dal Monte Cusna, Prado, Ventasso e Cavalbianco. Il Parco vi incanterà per la sua purezza, offrendovi il luogo ideale per una vacanza immersi nella natura incontaminata.

A Castelnovo ne' Monti -vivace centro cittadino che è punto di riferimento, per i suoi negozi e locali per tutto il comprensorio montano e sede della Comunità  Montana dell'Appennino Reggiano- si erge con maestosità e nobiltà la Pietra di Bismantova: questo incredibile scoglio di arenaria contrasta con i dolci profili delle colline circostanti. Grazie alla sua altezza (1047m) è possibile ammirare il suggestivo panorama dell'Appennino Reggiano, Parmense e a volte Modenese. Già Dante citò il magnifico scorcio di paesaggio visibile dalla Pietra, nel IV Canto del Purgatorio: ' Vassi in Sanleo e discendesi in Noli/montasi su in Bismantova e ’n Cacume
con esso i piè/ ma qui convien ch’om voli/dico con l’ale snelle e con le piume /del gran disio, di retro a quel condotto/che speranza mi dava e facea lume./Noi salavam per entro ’l sasso rotto, /e d’ogne lato ne stringea lo stremo,/e piedi e man volea il suol di sotto. /Poi che noi fummo in su l’orlo suppremo /de l’alta ripa, a la scoperta piaggia,/ "Maestro mio", diss’ io, "che via faremo?"./ Ed elli a me: "Nessun tuo passo caggia;/pur su al monte dietro a me acquista,/fin che n’appaia alcuna scorta saggia"./Lo sommo er’ alto che vincea la vista, / la costa superba più assai /che da mezzo quadrante a centro lista.

Scendendo verso valle, la storia della secolare lotta tra Impero e Papato ha lasciato tracce evidenti nella zona dei castelli e delle pievi matildiche, che da Rossena a Canossa, da Sarzano a Felina e Carpineti, creavano una sorta di barriera difensiva, di baluardo fortificato verso la Pianura e contro le invasioni nemiche. Qui, sotto il segno della 'Grande Contessa' Matilde di Canossa, si ergono le testimonianze di un passato di matrice europea, dove antichi borghi di sasso impreziosiscono il territorio e dolci ondulazioni e filari di cipressi si alternano a scorci più aspri, calanchi e affioramenti di roccia lavica.

Ovunque, incontrerete sentieri che si snodano lungo mulattiere, carraie, strade bianche che potrete percorrere a piedi, a cavallo o in mountain-bike, restando affascinati da case a torre, borghi rurali, corti e aie lastricate, fregi scolpiti su architravi che raccontano la storia dell'Appennino Reggiano. Scoprirete questa realtà, esplorando piacevoli itinerari collinari e di crinale in uno scenario suggestivo e originale.

PER INFORMAZIONI TURISTICHE SUL TERRITORIO E LE SUE RISORSE NATURALISTICHE, STORICHE, CULTURALI, CONSULTA IL SITO

WWW.APPENNINOREGGIANO.IT



Comunità Montana dell'Appennino Reggiano

Via Dei Partigiani, 10 - 42035 Castelnovo ne' Monti (RE) - Tel 0522-610511 Fax 0522-610590


Posta certificata: unioneappenninore@pec.it


Privacy Note Legali Sito creato con MD-PRO CMS